Via Quinto Lina, un’esposta arrampicata plaisir sulla Corna Rossa

0
Corna Rossa - Via Quinto Lina

I torrioni della Corna Rossa chiudono a sud l’altopiano del Grostè, affaciandosi sulla conca di Vallesinella. Scoperti alpinisticamente dal grande Bruno Detassis negli anni 40, nel corso degli anni hanno visto nascere numerosi itinerari, sia classici sia sportivi. Oggi sono una meta abbastanza frequentata, anche al di fuori dell’estate, soprattutto grazie all’accesso e alla discesa comodi.

La via Quinto Lina sale la parete ovest del primo torrione, il più alto e imponente: è un itinerario di tipo sportivo ben protetto a spit, con difficoltà sostenute, in pratica mai sotto il 5c. La roccia, dopo un primo tiro non troppo attraente, migliora nettamente, e specialmente nei tre tiri centrali si presenta eccezionale, con prese a volte piccole ma sempre nette e nei punti giusti. Si arrampica soprattutto in placca, con movimenti prevalentemente atletici e qualche passo più tecnico; l’esposizione nella parte alta della parete è notevole! Via consigliatilissima, da affrontare nei periodi asciutti (segue una colata) e meglio se al pomeriggio, quando va al sole.

Prima salita: Giuseppe Malfatti, Omar Oprandi (1998)

CORNA ROSSA, PRIMO TORRIONE (2317 m) – VIA QUINTO LINA

Corna Rossa - Via Quinto Lina

Tracciato della via in rosso

INFO TECNICHE  
Data Uscita20 ottobre 2018CompagniLuca Castellani, Misha Cattabiani
ItinerarioVia Quinto Lina sulla parete ovest della Corna Rossa (primo torrione)Zona MontuosaDolomiti di Brenta
Tempo 7/8 h (1,30 avvicinamento, 3/4 ore la via, 2 h discesa)Dislivello200 la via, 500 dal parcheggio all'attacco
Località di PartenzaParcheggio Vallesinella (1513)Quota partenza e arrivo1513 m - 2300 m
Difficoltà globaleII/S1,TD, 6a+ Difficoltà tecnicaMax 6a+ (6a obbligato)
ChiodaturaOttima a spitMateriale15 rinvii
Tipologia arrampicata PlaccaRocciaDolomia ottima, eccellente nei tiri centrali
Periodo consigliatoEstate e autunnoLibro di vettaNo
Punti d’appoggioRifugio GrafferAcquaNon pervenuta la fontana al parcheggio (lavori in corso…)
Cartografia utilizzataTabacco - Dolomiti di Brenta 1:25000Bibliografia utilizzataF. Capellari, Dolomiti di Brenta vol. 3, Idea Montagna
Giudizio100100100100Consigliata Sì, bellissima arrampicata con protezioni da falesia e grande esposizione

INDICAZIONI STRADALI

Raggiunta Madonna di Campiglio, dal centro si seguono le indicazioni per Vallesinella (parcheggio a pagamento); in estate la strada è chiusa dopo le 9,30, e si può salire solo con una navetta.

Da ottobre in poi, la strada in genere è sempre aperta e il parcheggio gratuito.

AVVICINAMENTO

Dal parcheggio di Vallesinella seguire per pochi metri la strada asfaltata in salita, dunque abbandonarla per il sentiero 382 che sale a sinistra verso il rifugio Graffer. Raggiunto l’alpeggio di Malga Vallesinella di sopra, da cui già sono ben visibili i torrioni della Corna Rossa, continuare a seguire il sentiero per il Graffer fino ai piedi delle pareti; ignorare la traccia al primo tornante (ometto) e imboccare quella che parte da quello successivo (altro ometto), che conduce direttamente sotto la parete ovest. L’attacco è circa sotto la verticale del grande tetto giallo al culmine della parete, ed è contraddistinto da un quadrato rosso. Visibile il primo spit (1,30 h).

 

Corna Rossa - Via Quinto Lina

Larici a Malga Vallesinella di sopra

RELAZIONE

1° tiro: salire la placca interrotta da un paio di strapiombini; dunque seguire fedelmente un diedro verticale fino alla prima cengia erbosa. Sosta vicino a un canale (40 m, 5c).

2° tiro: ancora per placca tecnica sulla sinistra del canale, dunque riattraversarlo e proseguire più facilmente al suo interno verso la seconda cengia. Un delicato e un po’ gratuito traverso a sinistra conduce alla sosta, sotto un muro nero (35 m, 5c).

3° tiro: salire le placche nere su roccia magnifica, ben appigliata, fino a un diedro sulla destra che oppone qualche passo più difficile; al suo termine traversare a sinistra sotto i tetti fino alla sosta, su un esposto terrazzino (30 m, 6a).

4° tiro: rimontare il tetto a destra della sosta (expo ma con buone prese!) per poi proseguire dritti sul bel muro scuro soprastante. La sosta è su una comoda cengetta (25 m, 5c+).

5° tiro: affrontare le placche grigie sopra la sosta, su difficoltà da subito sostenute. Raggiunta una cengetta, ci si sposta un poco a destra proseguendo su un difficile diedrino superficiale. Aggirare a destra lo strapiombino che lo chiude, dunque traversare un paio di metri a sinistra fino alla sosta, su una piccola cengia 10 metri sotto i grandi tetti gialli (25 m, 6a+).

6° tiro: doppiare lo spigolo sulla sinistra, dunque seguire una fessura fino a quando risulta facile attraversare il canale a sinistra. Salire dunque dritti superando un paio di risalti (roccia da controllare) fino alla sosta, nell’ombroso caminone finale (35 m, 5c).

7° tiro: salire la paretina sopra la sosta con un paio di passaggi tecnici su piccole tacche, dunque proseguire con difficoltà via via minori fino a uno spit con maglia rapida; qui conviene traversare a sinistra raggiungendo un facile diedro/canale che permette di uscire dalla parete (45 m, tratto di 6a+, poi 5c e IV).

DISCESA

Attraversare l’altopiano carsico in direzione nord seguendo una vaga traccia, fino a incrociare il sentiero di discesa comune dai torrioni della Corna Rossa, segnato con bolli e ometti. Seguirlo a sinistra raggiungendo in breve il rifugio Graffer. Appena sotto al rifugio, si imbocca il sentiero 382 (cartello con divieto per le bici), e ai due bivi si tiene la sinistra, tornando ai piedi della Corna Rossa; dunque per il percorso dell’andata a Vallesinella (2 h).

OSSERVAZIONI

La via è molto ripetuta, come dimostrano i segni di magnesite sulle prese e i tanti report presenti in rete. La chiodatura ravvicinata e le soste quasi sempre comode ne fanno un’arrampicata quasi plaisir: comunque se ci si vuole divertire è meglio muoversi con disinvoltura sul 6a di placca.

Il giorno seguente abbiamo salito la via Raponzolo al Castelletto Inferiore.

METEO INCONTRATO (20 ottobre 2018)

Forse noi siamo arrivati un po’ avanti come stagione, siccome la parete è a ovest e la roccia era piuttosto fredda, con un paio di passaggi bagnati.

 

 Corna Rossa - Via Quinto Lina

Sosta dopo il quinto tiro

Corna Rossa - Via Quinto Lina

Secondo tiro 

Corna Rossa - Via Quinto Lina

Rientro sull’altopiano verso il Graffer: sullo sfondo la Presanella

ALTRE SALITE NELLE DOLOMITI DI BRENTA

 

DOWNLOAD

VISUALIZZA ONLINE


 

(Visited 85 times, 1 visits today)
Salita9
Ambiente9.5
Arrampicata10
Roccia9.5
Avvicinamento8.5
9.3
Giudizio dei lettori: (0 Voti)
0

Nessun commento

Salita Consigliata