The Pirate: una nuova via invernale allo Scalocchio in Appennino

0
Monte Scalocchio - The Pirate

Lo Scalocchio è la cima che chiude a Ovest il Vallone dell’Inferno in Appennino. Il versante nord in estate è una parete di roccia dove grosse placconate si alternano a tratti più rotti e cenge erbose. La parete ha uno sviluppo verticale di un centinaio di metri. L’unica salita certa è la via Fucking Fear (Ruffini – Artioli 21 settembre 2003) che sale lo spigolo NW del contrafforte roccioso di sinistra. In inverno la parete offre interessanti e impegnative salite. La via The Pirate sale la parte sinistra, in una sorta di budello nevoso, a destra del marcato sperone. La via vera e propria conta tre tiri su neve e ghiaccio ripido, a cui si devono aggiungere due tiri lungo la cresta per arrivare allo spartiacque principale e un tiro iniziale su pendio meno ripido fino alla nicchia della prima sosta. Le difficoltà nei tre tiri sono omogenee e le pendenze molto costanti oltre i 60°. Il tratto più ripido è un muro ghiacciato a metà del secondo tiro (80°). L’uscita in cresta può risultare problematica a seconda delle condizioni. La via non è attrezzata, solo un chiodo nel terzo tiro. Necessaria una scelta di chiodi da ghiaccio e roccia, una serie di friend (utile misura 4 BD) ed eventualmente fittoni da neve.

Prima salita: F. Rossetti e A. Piazza il 14 febbraio 2014.

MONTE SCALOCCHIO (1849 m) – THE PIRATE

Monte Scalocchio
 

Il tracciato della salita

INFO TECNICHE  
Data Uscita14 febbraio 2014CompagniAlberto Piazza
ItinerarioSalita alla via The Pirate al Monte Scalocchio in invernaleZona MontuosaAppennino Settentrionale
Tempo e distanza6 h - circa 6 km (3 h circa la via)Dislivello600 m (la via circa 100 m per uno sviluppo di circa 100 m + 90 metri di cresta finale)
Località di PartenzaPasso del Gatto (RE)Quota partenza e arrivo1269 m - 1849 m
Difficoltà globaleTD-Difficoltà tecnicaPendenze fino 80°, molto continua sempre oltre 60°
Chiodatura1 chiodo nel terzo tiroMaterialeDa alpinismo invernale (2 picche meglio tecniche), viti da ghiaccio corte, qualche chiod da roccia,
serie di friend e dadi, fittone
Tipologia arrampicataRipida parete di neve e ghiaccioRoccia-
SegnaviaSentiero CAI 00Libro di vettaNo
Punti d’appoggioBivacco RosarioAcquaNo
Cartografia utilizzataCarta escursionistica - L'Appennino Reggiano (foglio 2)Bibliografia utilizzataAppennino di neve e di ghiaccio Vol. 1 Itinerario 150
Giudizio100100100100ConsigliataSi! Gran bella salita in ambiente severo. Fantastica l'uscita su cresta sottile.

INDICAZIONI STRADALI

Raggiunto il Passo del Cerreto che separa le province di Reggio Emilia e Massa Carrara, si prende in direzione Cerreto Laghi, dopo 900 m si lascia la macchina nei pressi di un tornante, di fronte all’Albergo Belvedere (chiuso).

AVVICINAMENTO

Lasciata l’auto nel parcheggio del Ristorante/Albergo Belvedere, si prende la strada seguendo le indicazioni CAI per il sentiero 00 e il Monte La Nuda. Si superano alcune costruzioni, fino ad imboccare al termine della strada il sentiero che sale dolcemente nel bosco. Si ignorano tutti i bivi e si prosegue sul sentiero 00 fino al Bivacco Rosario (1.30 h). Il bivacco merita sicuramente una “visita”. Ritornati sui propri passi si abbandona il sentiero e si punta alla parete dello Scalocchio. Si sale verso gli ultimi arbusti e la Sentinella del Gendarme. Giunti in una zona di grossi massi si inizia a traversare fino alla base dello sperone che si costeggia fino al successivo canale che si inizia a risalire (2 h).

 

 

Monte Scalocchio

Bivacco Rosario

Monte Scalocchio

Il Vallone dell’Inferno: il Gendarme della Nuda e lo Scalocchio dal Bivacco Rosario

RELAZIONE

Si risale il pendio che si fa via via più ripido, si supera una caratteristica grotta sulla sinistra e si perviene a una nicchia nel lato destro. Si può compiere un tiro anche per giungere alla nicchia (L0).

L0: si segue il pendio su percorso non obbligato su pendenze via via maggiori, prima 30/45°, poi più ripido avvicinandosi alla nicchia (50/55°) dove si sosta.

1° tiro: dalla nicchia si scende un metro e si traversa verso sinistra, quindi si sale verso sinistra lungo la linea di minor pendenza (60/65°). Si supera un tratto più ripido (70°) e si sale leggermente verso destra verso la parete di roccia sovrastante dove si sosta su spuntone (30 m).

2 tiro: si sale costeggiando la parete di roccia, una sorta di camino ghiacciato (70°), si piega a destra e si supera un muro di ghiaccio (80°). La pendenza diminuisce (50°), quindi si impenna nuovamente (60°) prima di giungere ad una grotta, sulla destra del canale, dove si sosta (50 m).

3° tiro: si sale ripidamente costeggiando le rocce, quindi si traversa 2 metri a sinistra (1 chiodo) e si sale verso una piantina. Si supera la pianta e si esce su cresta. Si percorre la cresta molto affilata per 2-3 metri ma che presto si allarga e si sosta (20 m). In condizioni di grande innevamento non affiorano rocce, occorre quindi predisporre una sosta su neve-ghiaccio.

4° tiro: si segue la larga cresta senza difficoltà, quindi si sormonta una sorta di cimetta dove si sosta (55 m).

È possibile invece che raggiungere la cima, scendere a sinistra (45°) verso un evidente canale (30/35°) che riporta nei pressi dell’attacco. Discesa rapida e consigliabile se si vuole fare ancora qualche tiro sulla Nord, ma con innevamento abbondante la cresta offre scorci notevoli.

5° tiro: si traversa a sinistra sotto una paretina rocciosa e si giunge sulla cresta principale dove si sosta (35 m).

Si segue ora la bella cresta nevosa senza difficoltà fino alla cima dello Scalocchio (1849 m – 2/3 h dall’attacco).

DISCESA

Si scende ora verso la selletta alla base della parete Ovest del Gendarme. Conviene scendere stando inizialmente molto a destra (verso il mare), quindi traversare il pendio fino a riconquistare la cresta nei pressi della sella. Se si scende più direttamente, possibile qualche passo su roccette (II°). Dalla sella si scende il canalone verso N/NE. Il pendio, inizialmente ripido (35/40°), declina poi più dolcemente. Si scende tenendo leggermente la destra verso la Sentinella del Gendarme che si supera e sempre su percorso non obbligato si arriva alla piana del Bivacco Rosario. Su sentiero già percorso si raggiunge poi la partenza (1.30 h dalla cima).

OSSERVAZIONI

Gran bella salita in ambiente spettacolare, uno dei più selvaggi dell’Appennino Settentrionale. La salita nella sua interezza è impegnativa. Non c’è un passo chiave e i tre tiri sono continui e ripidi. L’uscita con neve inconsistente e innevamento abbondante può risultare molto delicata (noi siamo saliti solo grazie alla piccola pianta poco prima della cresta che era coperta da almeno 2 metri di neve). 

La via è stata dedicata a Marco Pantani nel decennale della scomparsa (il 14 febbario 2004).

Il 26 gennaio 2017 abbiamo salito sempre allo Scalocchio una nuova via, Misto Inferno.

Abbiamo ripetuto la via il 1 marzo 2017 (F. Rossetti, M. Brunelli) trovando condizioni molto più secche (2/3 metri in meno di neve), nessun problema ad uscire e condizioni perfette. Con minor innevamento L0 è superfluo e il primo tiro risulta un po’ meno ripido, abbiamo trovato invece il secondo tiro più continuo e sostenuto, mentre il terzo in uscita senza cornici non ha particolari difficoltà.

 

Monte Scalocchio

Accesso

 

Monte Scalocchio

1° tiro

 

Monte Scalocchio

Uscita

Monte Scalocchio

Il Gendarme della Nuda dalla Cresta dello Scalocchio

 

RELAZIONE PDF

VISUALIZZA ONLINE

VISUALIZZA ONLINE


GUIDE APPENNINO

 
 
Salita9.5
Ambiente9
Arrampicata9
Tra le più belle salite dell'Appennino
9.2
Giudizio dei lettori: (0 Voti)
0

Nessun commento

Salita Consigliata