Cascata Fontanazzo di destra: una comoda salita su ghiaccio in val di Fassa

0
Cascata Fontanazzo

Le cascate di Fontanazzo sono tra le più famose e ripetute della val di Fassa. Visibili dalla strada delle Dolomiti, il ramo di sinistra è più difficile e sostenuto, mentre quello di destra si presta ad un approccio più soft. La prima parte segue un suggestivo canyon, da cui si raggiungono i salti superiori, inframezzati da tratti di camminata; l’ultimo tiro presenta il tratto più ripido, da non sottovalutare.

L’accesso è veloce, così come il rientro su sentiero CAI: conviene attaccare presto al mattino per non fare troppa coda!

VAL DI FASSA – CASCATA DEL FONTANAZZO (RAMO DX)

Alla base dell’ultimo salto, il più grande

INFO TECNICHE  
Data Uscita25 febbraio 2018CompagniLuca Castellani, Pietro Cattani, Pietro Gaibazzi
Gruppo MontuosoDolomiti - Val di FassaItinerario - ViaCascata di Fontanazzo di destra
EsposizioneNPeridio consigliatoNormalmente ben formata tutti gli inverni
Tempo2/3 h (2h la cascata)Sviluppocirca 200 m
Difficoltà II/3+ ChiodaturaSoste in genere attrezzate
MaterialeAttrezzatura da ghiaccio (10/12 viti)Bibliografia utilizzataRelazione sul Web - Relazionata in Francesco Cappellari, Ghiaccio verticale, le più belle cascate delle Alpi Orientali
Giudizio100100100Consigliata , carina! Vale senz'altro una visita se già si è in zona

INDICAZIONI STRADALI

Dal casello dell’autostrada del Brennero di Egna-Ora si seguono le indicazioni per la val di Fassa, seguendo la Strada delle Dolomiti fino al paese di Fontanazzo. Svoltare a destra (indicazioni Dolciaria Fassana) e lasciare l’auto in un parcheggio vicino al fiume.

AVVICINAMENTO

Oltrepassare un ponte (da cui è già visibile il ramo di sinistra) e seguire brevemente a sinistra la pista da fondo. Incontrato il torrentello sotto le cascate, si sale nel bosco per tracce lasciandoselo a destra. Salire fino a quando la pendenza del bosco aumenta: scendere dunque nel torrente appena sotto al primo breve salto ghiacciato (10 minuti).

RELAZIONE

Superare un primo breve muretto (70°), dunque proseguire a sinistra nel torrente che si addentra in una profonda forra. Noi ci siamo legati alla base di un saltino breve ma piuttosto magro, nel punto più stretto.

1° tiro: superare la goulottina a sinistra (passo a 75° iniziale, poi 60°), badando a non bagnarsi nel costeggiare il torrente! Proseguire più facilmente fino alla base di un altro salto ghiacciato, sulla sinistra  (30 m, di cui 20 facili).

2° tiro: muro a 75/80°, sosta di calata sulle rocce al suo termine (15 m).

3° tiro: camminare lungo il torrente verso un muro ghiacciato più grande, più facile sulla sinistra (60° all’inizio, poi 80°). Sosta a spit e maillon sul bordo del salto (40 m, di cui 20 facili).

Conviene ora slegarsi e risalire il torrente e il seguente pendio di neve a destra che porta alla base del salto più interessante (100 m). Possono essere formate altre colate: l’itinerario normalmente ripetuto è quello più a destra, molto evidente.

4° tiro: salire a sinistra lungo la colata via via più ripida (fino a 85°); raggiunta un’evidente cengia alla base di un tratto più ripido, attrezzare una sosta su ghiaccio (30 m).

5° tiro: tiro chiave. Superare l’ultimo muro sostenuto (8 metri a 90°), dunque spostarsi a sinistra per imboccare una rampetta (75°) che porta alla fine delle difficoltà. Sosta su radice con cordone o albero (18 m). Se si hanno abbastanza viti (e braccia!), può risultare conveniente unire gli ultimi due tiri.

DISCESA

Salire brevemente lungo il solco del canale fino a incontrare una traccia marcata, che si segue a destra (sentiero CAI). Si perde quota velocemente, talvolta con l’aiuto di un cavo d’acciaio, fino alla pista da fondo, nei pressi del ponte sull’Avisio percorso all’andata (20/30 minuti).

OSSERVAZIONI

Cascata didattica, presenta difficoltà crescenti. Sono possibili almeno due scappatoie, prima del 4° tiro (nel bosco a destra fino al sentiero) e perfino sulla cengetta sotto il 5° tiro (viste tracce). La posizione molto, troppo comoda, suggerisce di partire presto al mattino: sia per non fare troppa coda, sia per tornare in tempo alla Dolciaria Fassana (chiusura ore 13), decisamente popolare tra i ghiacciatori… e con ottime ragioni!

Siamo saliti in una giornata fredda, con temperature sempre sotto zero. Il ghiaccio era molto duro e spaccoso, ma la progressione era facilitata – almeno nei tiri più semplici – dai solchi dei precedenti passaggi.

 

Caratteristico torrentismo nel primo tiro

Caratteristico torrentismo nel primo tiro

Ultimo tiro - bello dritto!

Ultimo tiro – bello dritto!

 

RELAZIONE PDF


(Visited 183 times, 1 visits today)

Salita8.2
Ambiente8
Arrampicata9
Avvicinamento9.5
8.7
Valutazione dei lettori : (0 Valutazioni )
0

Nessun Commento

Salita Consigliata

Gendarme

Un paio di vie al Gendarme

In quest’estate che non vuole arrivare (e non arriverà mai) gli Appennini restano la nostra unica consolazione. Dopo la ripetizione di Macigno Paradise al Braiola ...