Cresta Est al Monte Sagro: arrampicata sui ciuffi d’erba delle Apuane

0
Monte Sagro - Cresta Est

Il Monte Sagro (1749 m) è una delle cime più frequentate delle Alpi Apuane per il suo comodo accesso e per il grande panorama che si gode dalla vetta. A ovest è delimitato da pendii erbosi mentre a Nord e a Sud – Est da imponenti pareti di erba e roccia. Lo spigolo o cresta Est si sviluppa dalla Foce di Vinca con un dislivello di circa 400 m. L’interesse della salita è più panoramico che arrampicatorio. L’erba spesso sostituisce la roccia e quest’ultima è molto rotta e mai solida. Le soste sono tutte attrezzate a chiodi o fittoni.

Prima salita: Emilio Questa da solo il 12 novembre 1899

MONTE SAGRO (1749 m) – CRESTA EST

Monte Sagro - Cresta Est

Monte Sagro – Cresta Est

INFO TECNICHE   
Data Uscita25 ottobre 2014CompagniAlberto Piazza
ItinerarioSalita al Monte Sagro per la Cresta EstZona MontuosaAlpi Apuane
Tempo5h (3 h la cresta)Dislivello600 m (400 m la cresta)
Località di PartenzaFoce di Pianza (MS)Quota partenza e arrivo1279 - 1749 m
Difficoltà globaleAD- Difficoltà tecnicaMassimo III+, arrampicata però spesso misto erba delicata
ChiodaturaSoste attrezzate a chiodi/fittoni. Chiodi nei passi più impegnativiMaterialeMateriale d’arrampicata, 4 rinvii, friend e qualche chiodo
Tipologia arrampicataErba e diedriRocciaMarmo a tratti pessimo!
SegnaviaSentiero CAI 173 e 172Libro di vettaSi
Punti d’appoggio-AcquaNo
Cartografia utilizzataAlpi Apuane - Carta dei sentieri e rifugi 1:25000Bibliografia utilizzataGMI – Alpi Apuane pag. 224
Giudizio100ConsigliataNi. La linea è bella, l'ambiente pure, l'arrampicata no.

INDICAZIONI STRADALI

Da Carrara (MS) si seguono le indicazioni per Gragnana, Castelpoggio e Campo Cecina. Superato il paese di Castelpoggio si prende a destra e si segue lungamente la strada molto panoramica. Raggiunto uno spiazzo si prende a destra la strada sterrata (non prendere a sinistra per il Rifugio Carrara) che si segue fino al parcheggio nei pressi delle cave.

AVVICINAMENTO

Si prende il sentiero (segnavia 173) che sale verso le cave. Si sale costeggiando le cave, quindi traversando in salita lungo il versante NO del Sagro. Si procede poi con qualche saliscendi e tratti attrezzati. Nei pressi di un ghiaione si inizia a scendere (PUNTO 1), si supera un canale (cavi) sempre in discesa quindi in traverso sotto pareti rocciose. Si ignorano i bivi tenendo sempre la destra e con un’ultimo tratto in salita nel bosco si raggiunge Foce di Vinca (1.10 h).

 

 

Monte Sagro - Cresta Est

Avvicinamento

Monte Sagro - Cresta Est

Lungo la cresta, sullo sfondo il Pizzo d’Uccello

RELAZIONE

Si abbandona il sentiero e si segue la cresta verso SO su esile traccia per prati fino alla base di un salto verticale. Si sale direttamente la paretina su buona roccia appigliata (II) e si rimonta sulla crestina. Si continua poi facilmente sul lato destro, quindi sul filo che si segue fino a una prima sommità. Si evita quest’ultima sul lato sinistro per impercettibile cengia esposta. Riconquistata la cresta la si segue in discesa fino a una selletta, poi si risale per larga cresta erbosa. Si evita una seconda elevazione a destra per traccia nel bosco e si sale un canale erboso che riporta sulla cresta. Si vince direttamente una placchetta (a dx più facile – II), quindi per placconate appoggiate fino a una cimetta. Si segue in piano la cresta sottile ed esposta (I – cavetto), poi più larga con qualche passo di arrampicata (I – cavetto) fino alla base dello spigolo vero e proprio (0.45 h dall’attacco). L’attacco è anche raggiungibile in maniera più diretta dal PUNTO 1 seguendo traccia a ometti (sconsigliato).

1° tiro: si attacca il diedro al centro (in quello di sinistra saliva la via originale) con fittone alla base. Si sale il diedro verticale su roccia delicata (III+), quindi per erba e roccia si raggiunge la sosta su uno spit e un chiodo (30 m – 4 chiodi).

2° tiro: si sale sopra la sosta per erba poi, dopo un tratto su pendio più appoggiato, si arrampica la parete di erba e pochissima roccia (per nulla piacevole!). Si sosta su cengetta alla base di una placca con striature orizzontali e un chiodo nel mezzo (50 m – 1 chiodo a metà tiro tra l’erba).

3° tiro: si traversa cinque metri a destra su placca di buona roccia (II – esposto) fino a un chiodo. Quindi in verticale tra erba e roccia si rimonta la cresta che si segue facilmente. Si sosta su un chiodo alla base di una paretina (50 m – 1 chiodo).

4° tiro: si sale la paretina a gradini sopra la sosta verso destra (I), quindi su terreno erboso sul fianco destro della cresta. Si supera direttamente un gendarmino per diedro (passo di III), evitabile a sinistra (II) e si sosta su un chiodo con anello (50 m – 1 chiodo).

5° tiro: si sale sopra la sosta per roccia molto rotta (I/II), poi per diedro (II) uscendo facilmente a sinistra per rampetta. Invece di salire a sinistra per rampetta si può salire verticalmente per diedro (chiodo nascosto) , uscendo a destra (III con passo iniziale più difficile evitabile a sx per la rampa rientrando successivamente nel diedro). Si sosta su un fittone con anello (35 m – 2/3 chiodi).

Si segue la cresta senza difficoltà fino in vetta (3 h dall’attacco).

DISCESA

Dalla cima si scende verso Ovest per sentiero. Si traversa per prati in discesa fino a un bivio. Qui consiglio di tenere la sinistra verso una bella cresta panoramica che si segue in discesa (segnavia 172) e in breve si raggiunge Foce di Pianza (0.45 h). 

OSSERVAZIONI

La linea di cresta è molto bella, l’ambiente grandioso, purtroppo l’arrampicata lascia veramente a desiderare. Da percorrere una sola volta nella vita! Si consiglia di salirla integralmente partendo dalla Foce di Vinca, la parte bassa è quella su roccia migliore. La via in sé non è difficile ma la roccia pessima e soprattutto i tratti su erba e terra richiedono attenzione. Globalmente è più impegnativa di quanto possa sembrare.

 

Monte Sagro - Cresta Est

Sulla prima parte di cresta

 

Monte Sagro - Cresta Est

1° tiro

 

Monte Sagro - Cresta Est

1° tiro

[signinlocker id=”15967″]

RELAZIONE PDF


[/signinlocker]

 

Our Rating

Salita7.5
Ambiente9
Arrampicata5
Roccia5
Bella linea, arrampicata no.
6.6
Valutazione dei lettori: (0 Voti)
0

Nessun commento

Salita Consigliata