Spigolo Irena Sendler, una “via polacca” sul Monte Penna

1

Camminando per alta val d’Aveto e zone limitrofe, si resta colpiti dalla grande quantità di strutture rocciose: ruvide, rossastre, spesso di forme bizzarre, talvolta davvero imponenti… ma purtroppo solo di rado solide e adatte all’arrampicata. La Rocca del Prete, affacciata su Santo Stefano, è la parete con più storia alpinistica alle spalle, e un buon numero di vie per tutte le difficoltà; ma in tutta la zona compresa fra il monte Ragola e il Penna sono tante le possibilità, in un contesto ambientale pregevole.

Agli apritori dello Spigolo Irena Sendler, il merito di avere reso fruibile agli arrampicatori un angolo del Parco dell’Aveto noto più che altro agli escursionisti: la surreale dolina carsica della Nave, luogo unico nel suo genere. La ben individuata cima che sorveglia la Nave da sud-ovest, dirimpetto alla più massiccia ma discontinua piramide del Penna, ora ha un nome; e una breve via dal gusto classico – anche se spittata in abbondanza – che sale il suo solare spigolo sud-ovest, con qualche passaggio divertente ed esposto.

Prima salita: Giuseppe Foscili, Anna Perka, Eugenio Pinotti, 12/07/2015

Cima Janusz Korczak (1626 m) – Spigolo Irena Sendler

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (11)
 

Consultando la relazione sulla seconda sosta

INFO TECNICHE  
Data Uscita5 giugno 2016CompagniLuca Ziliotti, Misha Cattabiani
ItinerarioSalita alla cima Janusz Korczak per lo Spigolo Irena SendlerZona MontuosaAppennino ligure
Tempo3-4 h tot. (0.30 avvicinamento, 2.30 h la via, 0.45 discesaDislivello180 m (100 m la via)
Località di PartenzaPasso del Chiodo, fra Santo Stefano d'Aveto (GE) e Bedonia (PR)Quota partenza e arrivo1457 m - 1627 m
Difficoltà globaleD-Difficoltà tecnicaMax 5a, passaggi di 4b / 4c
ChiodaturaOttima a spit, molto frequenti; soste attrezzate a 2 spit con cordino e anello di calata. Attenzione, vari dadi risultavano un po' allentati, utile chiave (13?) o pinza per stringerliMaterialeMateriale d’arrampicata. 10 rinvii
Tipologia arrampicataPlacca lavorataRocciaOfiolite mediocre, fare molta attenzione a cosa si stringe specialmente nel primo e nel terzo tiro. Forse migliorerà con le ripetizioni
SegnaviaSentiero Cai e ometti per l'attacco della viaLibro di vettaNo
Punti d’appoggioNessunoAcquaNo
Cartografia utilizzata-Bibliografia utilizzataRelazione degli apritori
Giudizio100100ConsigliataPer appassionati di Appennino, ambiente magnifico. Adatta anche ai principianti

INDICAZIONI STRADALI

Il Passo del Chiodo si trova al confine fra le province di Parma e Genova; si può raggiungere da Bedonia sia proseguendo verso Santa Maria del Taro fino a Ponte Strambo, dove si volta a destra per Alpe; sia raggiungendo il Passo del Tomarlo. Da Piacenza e Genova si sale invece passando da Amborzasco/Casoni, sotto Santo Stefano d’Aveto. Questa è anche l’unica strada che viene ripulita dalla neve in inverno.

AVVICINAMENTO

Dal Passo si imbocca il comodo sentiero CAI con indicazioni per la Nave; dopo circa 20 minuti, prima di uscire dal bosco, si incontra una lapide: qui voltare a sinistra seguendo una traccia che attraversa la dolina in una zona di grossi massi e risale un ghiaione (ometti); puntare allo spigolo sud-ovest della parete più imponente, che ha sulla destra un evidente canale (la via di discesa più breve).

 

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (2)

Alla base della parete

 

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (18)

Discesa: sulla sinistra è visibile la “Nave”

RELAZIONE

1° tiro: risalire lo spigolo inizialmente facile (II), poi via via più verticale. Passaggio esposto su roccia piuttosto delicata (4c) sotto il penultimo spit (30 metri – 8 fix).

2° tiro: dal terrazzino di sosta a destra (II, spit) si sbuca su un’ampia cengia erbosa, da salire leggermente verso sinistra, puntando a una rampa/diedro: la si risale per pochi metri (IV+, 2 spit) fino alla sosta (30 m – 3 fix)

3° tiro: proseguire sul diedro sfruttando una bella lama, dunque rimontare con attenzione su un gendarmino isolato (IV+, 2 spit un po’ alti a sinistra. Attenzione, massi grandicelli in bilico!). Da qui a destra su terreno più facile ed erboso (due o tre spit un po’ inutili sui sassi) fino alla sosta ai piedi di un’evidente fessura (30 m – 5 fix)

4° tiro: sulla fessura a sinistra sale una variante più difficile (6a), mentre la via affronta la placchetta sopra la sosta (2 spit, passaggio di V), per poi traversare a sinistra (V+, fisico ed esposto, aggirabile uscendo sull’erba a destra); si prosegue dunque per placchette via via più appoggiate (III, 3 spit) dunque sul facile filo di cresta fino alla sosta poco sotto la vetta (40m – 6 fix).

DISCESA

Si può tornare all’attacco della via in 10/15 minuti scendendo a destra fino a un intaglio, dove si imbocca un canale con qualche passaggio umido e delicato su roccette. In alternativa, c’è una traccia evidente che dalla cima scende nel bosco verso N e con ogni probabilità raggiunge più facilmente il Passo del Chiodo (non verificata).

CONSIDERAZIONI FINALI

La via è ancora poco ripetuta, dunque piuttosto sporca… noi la abbiamo anche trovata bagnata, specie nel primo tiro. Arrampicare su questo genere di roccia richiede una certa delicatezza: meglio non fidarsi ciecamente di quel che si ha in mano o sotto i piedi! La salita è un po’ discontinua ma tutto sommato si arrampica: soprattutto placca, ma anche qualche passaggio in diedro e uno strapiombino. E’ soprattutto l’ambiente a conferire fascino alla scalata; consigliabile salire a primavera (non prima di aprile) e autunno anche inoltrato, quando i colori del bosco danno il meglio di sé e il sole illumina tutto il pomeriggio la bella linea dello spigolo.

Un grazie a Misha, che nelle foto non compare mai perché le ha scattate tutte lui con tanto di reflex e obiettivo fisheye… c’è il rischio che questo spigolo appaia meglio di quanto non sia in realtà!

 

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (8)

Primo tiro

Terzo tiro

Secondo tiro

 

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (12)

Terzo tiro

Nave del Penna, via Irina Sendler, 5 giugno 2016 (15)

Quarto tiro

RELAZIONE PDF

VISUALIZZA ONLINE


 

 
Salita7
Ambiente9
Arrampicata6.5
Roccia6
Avvicinamento9
7.5

1 comment

  1. Avatar
    Pierluigi 10 Ottobre, 2017 at 09:00 Rispondi

    ripetuta con Davide e Lorenzo sabato 30 settembre 2017 . prestare attenzione al passaggio di 4* nel primo tiro roccia che si sbriciola… per le ripetizioni consiglio chiave da 17 da usare con cautela in quanto gli ancoraggi tendono a uscire se tirati, anche poco. manca un dado e una piastrina del 10 con dado nella sosta . chiodatura ben distanziata ma a causa del tipo di roccia si potrebbe valutare di usare. nella prima parte dei resinati speriamo che con le ripetizioni si riesca a pulire un po dal pietrame instabile in quanto la via merita . molto carino nell ultimo tiro la variante di 6* su roccia buona.

Post a new comment

Salita Consigliata