Monte Casarola per il crinale NE dal Passo della Scalucchia (invernale)

0
Casarola

Il Monte Casarola (1979 m) è una bella elevazione dell’Appennino Settentrionale che sfiora di poco i 2000 m. La salita invernale per il crinale NE è un facile itinerario alpinistico lungo un panoramico crestone.

Prima salita: ignoti

MONTE CASAROLA (1979 m) – CRINALE NE

Casarola
 

Il Monte Casarola

INFO TECNICHE   
Data Uscita26 maggio 2013Compagni
Pietro DelCanale, Saverio Ghirelli, Alberto Piazza, Marco Pollini, Luca Ziliotti
ItinerarioSalita al Monte Casarola dal Passo della Scalucchia per il crinale NE
(in straordinarie condizioni invernale a fine maggio)
Zona MontuosaAppennino Settentrionale
Tempo e distanza4.30 hDislivello700 m
Località di PartenzaPasso della Scalucchia (RE)Quota partenza e arrivo1364 m – 1979 m
Difficoltà globaleFDifficoltà tecnicaPendio fino a 30/35°
Chiodatura-MaterialeDa alpinismo invernale (ramponi e piccozza)
SegnaviaSentiero CAI 667Libro di vettaNo
Punti d’appoggioRifugio Rio Pascolo (non gestito)Acqua-
Cartografia utilizzataCarta escursionistica – L’appennino Reggiano (foglio 2)Bibliografia utilizzataGMI Appennino Ligure e Tosco Emiliano
Giudizio100100100ConsigliataSi.

INDICAZIONI STRADALI

Da Parma si segue la SP 6 per Langhirano, a Pastorello si prosegue in direzione Prato Spilla/Monchio delle Corti. Raggiunto l’abitato di Selvanizza si volta a sinistra in direzione Taviano fino ad incontrare la SP 15 che si prende a destra in direzione Passo del Lagastrello. Dopo qualche chilometro, superato l’abitato di Lugolo, si prende a sinistra direzione Collagna e Pieve San Vincenzo. Si supera località Pratizzano e al successivo bivio si tiene la destra verso Collagna. Si prende quindi una stradina asfaltata a destra verso Succiso Nuovo e il Passo della Scalucchia. Si segue la stradina fino a raggiungere il Passo, la macchina si lascia prima del tornante nell’evidente parcheggio sulla sinistra.

RELAZIONE

Dal Passo della Scalucchia (1364 m) si prende il sentiero 667 segnato verso l’Alpe di Succiso e il M. Casarola. Il sentiero sale tra bosco e radure. Si arriva alla Buca del Moro (0.30) e si prosegue sul sentiero ignorando i bivi. Si esce definitivamente dal bosco e si deve salire lungo uno spallone. Si supera questo tratto più ripido e si prosegue sul crinale (1 h). Si scorge già la vetta del Casarola con la sua parete NE con alcuni interessanti canaloni tra fasce rocciose. Si prosegue sul crinale fino a giungere a una selletta, qui la salita si fa più ripida e si procede fino all’antecima. Si arriva quindi senza difficoltà alla vetta a quota 1979 m (1.45 h). Dalla vetta la vista spazia dalla Parete Nord dell’Alpe di Succiso al Golfo di La Spezia alle Alpi Apuane, alla Nuda e ancora più a est al Cusna e al Cimone. Si prosegue ora in discesa lungo il crinale fino alla Sella del Casarola dove si prende il vallone a destra in discesa su percorso non obbligato. Si deve tenere la destra, versante Casarola (a sinistra ci sono alcuni salti rocciosi). Inizialmente il pendio è ripido, circa 35°. Si arriva infine nel bel vallone tra Alpe e Casarola e al Rifugio Rio Pascolo (2.30 h). Dal rifugio si prende il sentiero verso la Buca del Moro/Passo del Cerreto. Si procede sul sentiero nel bosco che inizialmente scende, quindi si procede a mezzacosta fino a un bivio. Si tiene la destra e si inizia a salire fino alla Buca del Moro (3.45 h). Si prende ora il sentiero già percorso all’andata e si raggiunge il Passo della Scalucchia (4.30 h).

OSSERVAZIONI

Abbiamo salito il Monte Casarola il 26 maggio in condizioni invernali, gran freddo e bella neve caduta eccezionalmente il giorno prima.

 

 

Casarola

L’Alpe di Succiso dal Casarola

 
Salita8.5
Ambiente8.5
Panoramica salita
8.5
Giudizio dei lettori: (0 Voti)
0

Nessun commento

Salita Consigliata